Asia Argento confessa, 'anche io violentata da Harvey Weinstein'

Non solo Asia Argento. Anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie violentata da Harvey Weinstein.

asia-argento.jpg

Si allarga sempre più lo scandalo legato ad Harvey Weinstein, potentissimo produttore hollywoodiano da giorni finito nel tritacarne delle polemiche dopo le ripetute denunce per molestie sessuali da parte di attrici e dipendenti, molestate nel corso degli ultimi 30 anni.

Tra queste anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, secondo il New York Times pronte a denunciare pubblicamente gli abusi, e la nostra Asia Argento, che ha confessato al New Yorker di essere stata molestata da colui che scoprì Quentin Tarantino, producendone tutti i suoi film. La Argento conobbe Weinstein da giovanissima, all'età di 21 anni, quando prese parte a B. Monkey - Una donna da salvare, film nel 1999 distribuito proprio dalla Miramax di Harvey.

Invitata ad un party in Costa Azzurra, Asia si sarebbe ritrovata in una stanza d'albergo con il solo Weinstein, in accappatoio e desideroso di un massaggio, prima di saltarle addosso. "Se fossi stata una donna forte gli avrei dato un calcio nelle palle e sarei scappata. Ma non l'ho fatto. E' stato un trauma orribile", le parole dell'attrice, quasi 'costretta' a rivivere quell'incubo per anni, temendo ripercussioni per la propria carriera.

Intercettata dall'Ansa, la Argento ha così seccamente replicato a chi le chiedeva ulteriori delucidazioni.

"So che ha distrutto molte persone prima. Questo è il motivo per cui questa storia - nel mio caso sono 20 anni, alcune sono precendenti - non è mai venuta fuori". "Tutto vero, tutto scritto sul New Yorker. Ora lasciatemi in pace"

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail