Kate Middleton, l'atleta iraniano non le stringe la mano

Non capita tutti i giorni di trovarsi di fronte Kate Middleton, e in pochi, ne siamo certi, sceglierebbero di non stringerle la mano. Noi, per esempio, le stamperemmo un paio di baci sulle guance. Ma ogni paese ha le sue usanze e, in fatto di relazione uomo/donna, l'Iran non sembra essere all'avanguardia.

L'atleta Mehrdad Karam Zadeh, medaglia d'argento nel lancio del disco alle Paralimpiadi di Londra 2012, non ha stretto la mano alla Duchessa di Cambridge in quanto...donna. Un portavoce della futura regina ha poi chiarito che Kate sapeva che non avrebbe porgere la mano all'atleta iraniano.

Per motivi culturali e religiosi, diversi atleti maschili provenienti da paesi islamici non stringono la mano in pubblico a donne con cui non hanno legami familiari.

Nessun dramma, ma molti degli 80mila presenti allo stadio durante la cerimonia di consegna delle medaglie si sono grattati la testa in maniera interrogativa, non capendo il motivo di tale gesto. Poco prima di essere "medagliato" da Kate, Mehrdad Karam Zadeh ha posto le mani dietro la schiena per poi chinarsi e ricevere l'argento. Il discobolo ha poi ringraziato la duchessa a modo suo, stringendosi le mani sul cuore.

Nonostante le motivazioni ufficiale del "gran rifiuto" siano culturali e religiose, vien da chiedersi se il clima di tensione fra Regno Unito e la Repubblica Islamica dell'Iran abbia influito sulla scelta dell'atleta. Risale infatti allo scorso novembre la decisione del governo inglese di ritirare tutti i diplomatici di stanza a Teheran dopo una serie di proteste contro l'ambasciata britannica. L'ultima parola la lasciamo però a lei, Kate, che ha chiuso la vicenda senza troppe polemiche.

Secondo indiscrezioni, la duchessa avrebbe accettato gli auguri di Mehrdad Karam Zadeh e sarebbe stata lieta ed onorata di consegnare le medaglie. E lo credo bene: lo sapete chi aveva vinto la medaglia d'oro? Il britannico Aled Davies.

  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: