Elisabetta Canalis: "La maternità mi spaventava, ecco perché mia figlia si chiama Skyler Eva"

L'ex velina parla della sua prima maternità e del marito Brian Perri

elisabetta-canalis-figlia.png

Elisabetta Canalis ha rilasciato un'intervista al settimanale Nuovo parlando della figlia Skyler Eva e del marito Brian Perri. Ma non solo. L'ex velina di Striscia la notizia ha raccontato la gioia della maternità:

Adesso che ho provato la gioia della maternità, mi sento di dire che se l’avessi saputo prima un figlio lo avrei fatto già qualche anno fa. È vero, mi spaventava l’idea di fare un passo così importante. In effetti la mia vita è cambiata da quando ho preso Skyler Eva in braccio per la prima volta. Non solo perchè oggi dormo poco di notte, visto che lei si sveglia perché ha fame! Ma perché mi rendo conto di avere la responsabilità della mia creatura.

Quindi ha speso parole di grande dolcezza nei confronti della sua primogenita:

La prima volta che l’ho vista da mamma ho pensato che era più carina di tanti neonati che avevo visto prima che lei nascesse. Me la immaginavo più bruttina, invece ha lineamenti molto delicati. Mia figlia è bionda con gli occhi azzurri! Desideravo proprio una bambina come lei, ha preso da mio padre. Nella mia famiglia d’origine hanno tutti gli occhi azzurri, soltanto io li ho marroni. Più che sardi i miei mi sembrano.. svedesi! La mia mamma sperava che anch’io nascessi con gli occhi chiari, invece c’è stato un salto generazionale. E questa piccolina ha accontentato tutti.

Eli ha assicurato che in famiglia "sono tutti pazzi della piccola Skyler Eva", a partire dai nonni Bruna e Cesare ("sposati da trentacinque anni") e dal fratello, anche lui padre (di Giulio, un bambino di 13 anni).

A proposito del nome scelto per sua figlia, la Canalis ha spiegato che si è trattato di un compromesso per le sue origini, metà americane e metà italiane:

Ne abbiamo vagliati tanti con Brian, ma senza trovare mai un accordo. Fino all’ottavo mese doveva chiamarsi in un modo, poi mio marito si è impuntato e allora abbiamo scelto Skyler, che negli Stati Uniti è piuttosto comune ed è piaciuto a tutti e due. Certo in Italia non si può tradurre, suona piuttosto strano e sembra quello di un’eroina di un cartone animato.

Alla fine è stato aggiunto Eva per accontentare anche i parenti italiani:

Esatto. D’altronde mia figlia è italo-americana e non era certo facile accontentare tutti quanti.

La Canalis ha spiegato di trovarsi bene in America, dove ormai vive stabilmente da quattro anni:

Devo dire che ci sto proprio bene. Ma cerco di venire in Italia almeno un paio di mesi all’anno e, questa volta, per fortuna, anche Brian mi ha raggiunto. D’altronde lui, che fa il chirurgo ortopedico, ha un lavoro molto impegnativo ed è sempre difficile trovare il tempo per fare una vacanza.

Solo lodi per il marito Brian:

È perfetto. Devo spezzare una lancia in favore dei papà americani, sono fantastici con i bambini e sono abituati a collaborare. Quindi, se c’è da cambiare il pannolino, lui non ha problemi a farlo. A differenza di mio padre e di mio fratello, che non hanno dimestichezza con i neonati.

Infine i progetti lavorativi e i propositi solidali:

Continuo a lavorare e farò un programma tv in America. E poi sono molto fiera di collaborare con l’Unicef, di cui sono ambasciatrice. Presto dovrei partire per una missione. Skyler permettendo.

  • shares
  • +1
  • Mail