Giulia Bevilacqua: "Voglio un figlio perché mi sento cresciuta e ho un compagno che amo"

La Bevilacqua, fidanzata con un giornalista, rivela a Grazia di avere ora un grande desiderio di maternità.

Giulia Bevilacqua è una delle protagoniste di È arrivata la felicità, che si concluderà giovedì prossimo su Raiuno, nei panni di una omosessuale che grazie all'inseminazione artificiale ha un figlio dalla compagna. Intervistata questa settimana da Grazia, l'attrice rivela di sentire molto forte, ora, il desiderio di maternità:

Per la prima volta avverto l’esigenza di diventare madre. Ma non è l’orologio biologico a parlare: ho un compagno che amo, il lavoro va benissimo, non ho più la nevrosi di dover dimostrare il mio talento. Voglio un figlio perché mi sento cresciuta. Occuparmi di me stessa non mi basta più.

Scopriamo così che la Bevilacqua, dopo tanti anni in cui è stata single dopo la fine della relazione con il collega Simone Torrente, ha un nuovo compagno. Lui è romano come lei, si chiama Nicola e fa il giornalista a Milano, ma di più Giulia non vuole rivelare:

Ci siamo conosciuti a una festa scontrandoci fisicamente: siamo finiti seduti sulla stessa poltrona e immediatamente è scattato il colpo di fulmine. Mi è sembrato di conoscerlo da sempre. E pensare che avevo smesso di credere nell’amore.

Nicola però le ha fatto cambiare idea e così dopo un lungo periodo da single ha deciso di riprovarci:

Dopo la fine della mia relazione precedente, non avevo incontrato nessun altro con cui pensare di costruire un futuro. Ho passato quasi cinque anni da single. Auguro a tutti un periodo di solitudine, a me è servito per capirmi di più.

Il rapporto è già molto solido, tanto che i due pensano di formare presto una famiglia:

Nicola e io siamo la forza uno dell’altra. Lui mi sostiene in ogni mia impresa ed è venuto a vedermi già tante volte in teatro, anche nei paesini più sperduti. Alla base del nostro rapporto ci sono il dialogo e il desiderio di formare una famiglia solida.

E infatti l'unico sogno che l'attrice vorrebbe realizzare è proprio questo:

Vorrei riuscire a costruire con il mio uomo un rapporto profondo e duraturo come quello dei miei genitori. Li ho visti amarsi, litigare, fare pace mille volte perché sono sempre stati animati dalla volontà di superare gli ostacoli che esistono in ogni coppia. Un bellissimo esempio per la mia generazione, abituata a fuggire di fronte al minimo problema.

Noi le auguriamo di riuscirci presto.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 55 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA&LIFESTYLE DI BLOGO