Corinne Clery ed Angelo Costabile sono tornati insieme. Lei: "Ma vivo con i bassotti"

"Sono tornata con Angelo ma vivo con i miei bassotti, non voglio una convivenza": Corinne Clery parla dei suoi grandi amori.

angelocostabile_corinneclery

Ricordate Angelo Costabile, il cosìdetto "toy boy malmenato" di Corinne Clery? Dopo alti e bassi ed una storia decisamente tormentata vissuta (anche) sotto i riflettori televisivi di Pechino Express, i due sono tornati insieme. Lo annuncia l'attrice francese in un'intervista rilasciata ad Alessandro Menzani sul quotidiano Libero: "Siamo tornati insieme a Pasqua, ma non l'abbiamo fatto sapere".

Nonostante questo "ritorno di fiamma", Corinne vive con i suoi bassotti: "I miei bassotti sono i miei bambini pelosi, non si toccano, sono indispensabili al mio benessere. Con Angelo non posso stare a tempo pieno, anche se poi in realtà siamo sempre insieme ed è ospite da me". E ancora: "Non voglio convivere: conosco il mio carattere impulsivo, impaziente. Quando ho perso il mio amatissimo marito Giuseppe sono stata dieci mesi sola, in un profondo buco nero. Ho scoperto che da soli si può stare bene. Quando ho conosciuto Angelo non ero certa di questa relazione. Sono coi piedi per terra".

La grande differenza di età è un problema? "No, quello non è un problema - risponde lei - Lui è maturo. Io meno. Quando ci siamo lasciati per alcuni mesi ho trovato i miei spazi belli, gli amici, andavo a letto presto. Stavo diventando una zitella poi lui è tornato. All’ inizio come amico. Ho paura che vivendo insieme possa diventare nervosa e perdere l’ equilibrio. Lui ha i suoi impegni, la fiction con la Ferilli, il calcio…".

Corinne racconta anche dei suoi tre mariti: "C’ è stato il mio primo marito. Ero una ragazzina, avevo 17 anni. A 18 è nato mio figlio. Ho sofferto tanto, ho dovuto lasciarlo per la salute del mio bambino, non se ne occupava. Mio figlio è stato male, ho perso dieci chili, siamo stati in ospedale, poi a casa, ma il mio ex era indifferente. Allora di notte, con il mio fagottino, sono scappata".

Poi "c'è stato Luca, il mio secondo marito. Un grande amore, io avevo 21 anni, lui 24. Per lui sono venuta in Italia. Poi c'è stato Marco Risi, per due anni". Quindi Claude Lelouche: "Una passione esagerata, tutto nascosto. Veniva da me di notte e se ne andava alle sei di mattina. Poi ho avuto storie carine, passioncelle, di due anni o anche quattro".

Ed infine Beppe Ercole, il terzo marito: "Il mio grandissimo amore. Uguale a me, un po’ pazzo, ma molto quadrato. Stessi gusti: cani, piante, cucina, decorazione. Pensavo di invecchiare con lui, progettavamo la casa al mare e poi la tragedia: gli restavano due mesi di vita. La cosa più brutta che potesse accadere. Ma oggi non sono più triste. Ho elaborato il lutto, anche grazie ad Angelo. La notte mi svegliavo, piangendo per Giuseppe, e lui era lì. Mi consolava. Angelo è un Giuseppe 2 la vendetta. Che bella persona, un carattere tosto, un testardo calabrese".

  • shares
  • Mail