Robert Pattinson e la vita ai tempi di Twilight: "Non potevo fare la spesa"

Il ritorno alla (quasi) normalità di Robert Pattinson

Robert Pattinson ha candidamente ammesso di essere stato travolto dall'incredibile successo di Twilight, la saga cinematografica ispirata ai romanzi di Stephenie Meyer. Intervistato dalla rivista musicale NME, l'attore londinese ha discusso i pericoli di una fama che, per sua stessa ammissione, stava per farlo impazzire.

Tutti i giorni c'erano persone sedute fuori casa mia. Per sei anni non sono riuscito ad andare in un supermercato. Ora posso parlare con il tipo che ci lavora, chiedergli dei figli o dove andrà in vacanza senza timore di essere "venduto". Non devo pensare più a quella roba.

A 3 anni dall'uscita dell'ultimo film della saga, Breaking Dawn Parte 2, la star 29enne può vivere la sua quotidianità sapendo che difficilmente riuscirà ad eguagliare il successo di quella stagione. Insomma, siate onesti: quanti film di Robert Pattinson avete visto in cui il nostro non interpreta un vampiro anemico?

Rimane l'assillo dei paparazzi, di cui Pattinson non riesce ancora a liberarsi.

La foto più imbarazzante che possono scattare di te è quando sei in una libreria e tutti possono vedere che libro stai comprando. Tanto vale che mi fotografino mentre mi masturbo.

Va bene, ma a questo punto vogliano capire come Robert legge i suoi libri. Qualcosa non torna.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail