Claudia Gerini: "Sono troppo sanguigna per Twitter, non volevo offendere i tassisti"

L'attrice ha provato a chiudere la polemica con i tassisti romani

claudia-gerini-pomeriggio-5.jpg

Claudia Gerini torna sulla polemica contro i tassisti romani che l'hanno spinta ad abbandonare Twitter. L'attrice ai microfoni della trasmissione di Radio 2 I Sociopatici ha spiegato:

Non uso molto twitter, sono troppo sanguigna, e 140 caratteri non bastano per spiegarsi. Non volevo offendere la categoria, ma lanciare un disservizio e accusare il sistema romano che non consente ai tassisti di lavorare al meglio (la città di Roma è bloccata dai lavori in corso, ndr) e non consentono la mobilità agli automobilisti in generale.

La Gerini ha quindi cercato di chiudere il caso dialogando a distanza anche con il tassista Sergio Ligato, di Milano, che vanta 186 mila follower su Twitter. Lui ha spiegato:

Quando non c’è mobilità in una città, come la capitale, il disservizio è inevitabile. Non ho nulla contro Claudia Gerini e sono qui per stringerle simbolicamente la mano, chiedendo di farlo anche a tutti i miei follower.

L'attrice romana ha accolto di buon grado l'idea del tassista e ha aggiunto:

Mi piacerebbe parlare anche con tutti quei tassisti che non hanno avuto mezzi termini nell'insultarmi. E lancio un’idea: perché non assumere qualcuno che agevoli la viabilità e aiuti anche la categoria dei tassisti a lavorare al meglio?

Da segnalare che nella puntata di ieri di Pomeriggio 5 Barbara d'Urso ha letto una dichiarazione della Gerini:

Non sono assolutamente fuggita da Twitter, semplicemente dopo questa esperienza ho deciso di abbandonare questo social, che tra l'altro non usavo così frequentemente, perché non amo i social network. Sono pieni di gente livorosa che ama inveire contro tutto e tutti ma soprattutto contro le persone famose. Essendo io una persona verace e impulsiva rispondo a tono e trascendo al loro livello. Non è per me. Vorrei anche precisare che non ho insultato i lavoratori tassisti, che rispetto. Ho solo denunciato un servizio che spesso, a causa di problemi anche di viabilità, non funziona come dovrebbe. Mi sono messa nei panni di una turista, magari con bambini, che si imbatte in questa situazione. Solo che il mio tono era di sfogo quindi era un tweet colorito e impetuoso come sono io. Ho sbagliato a scrivere, avrei dovuto spiegarmi meglio. Molte persone mi hanno sostenuto, per quelli maleducati e iracondi ho scelto di chiudere il profilo.

  • shares
  • Mail