Walter Nudo: "Ho sofferto di perdite di memoria dopo L'Isola dei Famosi"

Walter Nudo, che è uno dei concorrenti di Tale e quale show 2015, si racconta a Oggi.

Walter Nudo è uno dei concorrenti che si vuole aggiudicare quest'anno lo scettro di Tale e quale show, in onda su Raiuno il venerdì in prima serata. Il primo vincitore dell'Isola dei famosi ha rilasciato una lunga intervista al settimanale Oggi, in edicola da domani, raccontandosi a 360 gradi, a partire proprio da quel reality che lo ha visto vittorioso:

L’Isola dei famosi ha intaccato i miei muscoli, e anche i miei neuroni. Ho perso 20 chili in 50 giorni. Dopo, ho avuto problemi, soffrivo di perdite di memoria. Ho dovuto fare esercizi per superarli, li faccio tutt’ora.

Walter, che vive a Los Angeles da tre anni, spiega a Oggi perché ha scelto Tale e quale show per il suo ritorno alla tv italiana:

Me ne hanno parlato bene i miei figli, Elvis e Martin. Io amo la musica, per anni ho girato l’Italia con la mia band. A Santa Monica, mi diverto a suonare la chitarra per strada con un amico. Sperando sempre che non passi un turista italiano e mi riconosca.

Nudo, durante la sua carriera, ha conosciuto alti e bassi. E, come aveva raccontato anche in passato, ha vissuto momenti di crisi:

Ho sofferto di depressione. E se ne sono uscito lo devo alla fiducia in me stesso, grazie anche ai miei figli e alla fede. Non mi vergogno a parlarne, anche se la parola depressione in Italia è ancora un tabu. Ma le emozioni sono come figli, dobbiamo riconoscerle tutte.

Una sofferenza che arriva dall’infanzia, legata anche al suo aspetto fisico che non è sempre stato quello che noi oggi conosciamo:

Non sono nato così. Da piccolo ero cicciottello, timido. A 10 anni ho iniziato a lavorare nel bar di mio padre a Genova, per fare i caffè dovevo salire sulle cassette del Crodino. Con le donne ero un disastro: ho fatto l’amore per la prima volta a 19 anni.

Infine, Walter svela di aver fatto pace con il suo ex agente Lele Mora:

Non ci siamo sentiti per anni. Poi, quando lui è finito nei guai, gli ho scritto un messaggio. “Lele, è passata tanta acqua sotto ai ponti. Io ho fatto la mia vita, tu la tua. Dimmi solo come stai”. Lui mi ha risposto: “Ti ringrazio per avermi scritto. È un momento difficile, ma ho fiducia in Dio”.

  • shares
  • Mail