Pierluigi Pardo a Lo Sportello di Forum: "Il calcio è il tradimento più dolce che si possa ricevere"

Pierluigi Pardo ha rivelato a Lo sportello di Forum il segreto di un matrimonio di successo: "La cheesecake di mia moglie"

Che ci faceva oggi Pierluigi Pardo a Lo sportello di Forum? Se l'è chiesto anche lui... In realtà ha commentato a pennello una causa con protagonista "una famiglia nel pallone".


pierluigi pardo

Pardo, appena passato nell'agenzia di Lucio Presta, è stato presentato da Barbara Palombelli come "il numero uno dei commentatori sportivi". Ecco com'è nato il suo amore per lo sport in tv:

"La passione per il calcio ce l'ho da sempre, facevo le telecronache a casa mentre giocavo a pallone, una volta ho sfondato anche un vetro. E poi il Subbuteo, gli anni d'oro del grande Subbuteo. Poi ho cominciato a fare questo lavoro e la passione aumenta. Non ho mai giocato a calcio, ho giocato a basket. C'è stato un periodo magro della mia vita".

Poi il giornalista ha parlato del suo matrimonio con la fidanzata pasticciera Simona Galimberti (è passato ormai un anno dalle nozze):


"Mia moglie fa torte, non c'è stato bisogno di fare patti prematrimoniali. L'abbiamo risolta subito così, a forza di cheesecake. Lei lavora in laboratorio, fa torte lei, io fingo e mangio. Quello che succede nella dinamica, anche delle fidanzate precedenti, è che le prime volte mi accompagnavano in trasferta 400 kilometri magari per commentare Chievo e Bologna con grande entusiasmo, poi dopo due anni cominciano a dire 'se vai da solo, non ci sono problemi'. Difficile essere gelosi, sei in onda, in diretta, sei controllato".

Pardo ha, quindi, rivendicato la sacralità della fede sportiva:

"Chi non ama il calcio può pensare che questa sia una follia, è una grande religione laica in tutti i Paesi del mondo che unisce i padri coi figli. Se sei tifoso, il primo giorno che sei stato allo stadio, te lo ricordi. Il calcio è il tradimento più dolce che si possa ricevere".

Poi, da buon giornalista Premium, Pardo ha fatto una piccola gaffe, considerando il calcio in tv un diminutio rispetto alla partita dal vivo:

"E' chiaro che la televisione serve se la partita non la puoi vedere, però l'emozione dello stadio è fantastica".

  • shares
  • Mail