Victoria Cabello: "Ho mollato un ex scattandomi un selfie. Con la sua fidanzata"

La Cabello, attualmente single, parla di amore, look e aspetto fisico in un'intervista concessa a Grazia

Intervistata dalla rivista Grazia, Victoria Cabello ha parlato non soltanto di X Factor 8 (su SoundsBlog tutte le dichiarazioni), in partenza a settembre su SkyUno, ma anche della sua vita privata.

L'ex conduttrice di Mtv, Rai e La7, pronta al debutto nel ruolo di giudice del talent show più famoso in tutto il mondo, ha raccontato il suo rapporto con il look e con l'ormai mitica frangetta:

Ho solo frangia e sguardo. La frangia l’ho sempre avuta, basta vedere le mie foto di quando ero piccola. È una sorta di copertina di Linus. Per X Factor i miei collaboratori mi hanno suggerito di cambiare look, ma io dopo tanti anni non sento la necessità di vedermi diversa. Il mio ex fidanzato Maurizio Cattelan era categorico: “Non cambiare mai. Sei perfetta così”. Sono un po’ come Raffaella Carrà: non riesco a immaginarmi senza frangia.

Quindi ha assicurato di non aver mai puntato sul suo aspetto fisico. Né tantomeno su quello dei suoi uomini:

Anche gli uomini non mi hanno mai colpito per la bellezza. Tutti quelli con cui sono stata, erano fisicamente diversi. Avevano altri denominatori comuni: essere estrosi, anticonformisti, intelligenti.

La Cabello, da qualche tempo single dopo aver rotto con il già citato Maurizio Cattelan, ha ammesso la sua voglia di maternità ("voglio ancora una vagonata di figli. Anche se forse sono un po’ in ritardo..."); quindi ha raccontato di aver chiuso una relazione con un uomo scattando un selfie (quando forse essi si chiamavano ancora autoscatti) in compagnia dell'altra donna di lui:

Quando ho scoperto che il mio compagno aveva un’altra vita, volevo scrivermi una lettera. Ci ho pensato seriamente. Perché se guardi la situazione da fuori, tutto è più chiaro. Ma quando ci sei dentro, non ti accorgi di nulla. Lui mi sembrava solo un po’ distratto, preso dal lavoro. E invece... Alla fine ho chiuso la relazione con un selfie (...) Per un gioco del destino. Ero in treno e mi si è avvicinata una ragazza. Non mi aveva seguito, ci siamo trovate lì, per caso. A un certo punto mi ha detto: “Mi scuso per quello che sto per dirti, ma io sono per la solidarietà femminile: tu stai con quell'uomo da un anno. Io da due”. Sono rimasta senza parole. Al termine del viaggio, ci siamo fatte un selfie e gliel'ho mandato. Un modo per dirgli addio. Ma alla fine è servita anche questa esperienza.

Infine, il riferimento al dolore vissuto da giovanissima, dopo la morte del suo primo fidanzato:

Quando avevo 19 anni ho perso il mio primo amore in un incidente. È stato un periodo difficilissimo. Non ti fai mai una ragione dei grandi dolori, ma fa parte della vita. E la vita è più forte di tutto.

victoria cabello

  • shares
  • +1
  • Mail